JWST

JAMES WEBB SPACE TELESCOPE


 

 

credit NASA, A. Feild/STScI

Dedicato a James Webb, il direttore della Nasa, che portò l'uomo allo sbarco sulla Luna, questo "gioiellino" ad alta tecnologia, porta il suo nome. Il telescopio James Webb Telescope Space, sarà lanciato nel 2011 a bordo del razzo europeo Ariane 5, capace di guardare fino a 14 miliardi di anni luce, quando il nostro Universo cominciava a prendere forma. Il destino di Hubble ancora incerto forse vagherà nello spazio abbandonato a se stesso o forse verrà portato a terra ed esposto in un museo. Grazie alle apparecchiature e strumenti più sensibili di Hubble, il JWSTsarà in grado d'identificare oggetti molto più deboli di quelli osservati finora, il suo sguardo arriverà a scrutare fino a 14 miliardi di anni luce quando stelle e galassie cominciavano a formarsi: l'Universo prendeva forma, inoltre sarà utilizzato anche per studiare la formazione dei pianeti . Il JWST peserà 3 tonnellate, lo specchio principale di 6,5 metri (quasi tre volte quello di Hubble) sarà costruito con il berillio, un materiale molto riflettente, non teme basse temperature, ed ha un costo contenuto. Lo specchio sarà formato da 18 specchi esagonali, l'astronomo Nino Panagia, al lavoro presso lo Space Telescope Institute di Baltimora ci spiega come risolvere le difficoltà per portare questo grande specchio in orbita: "lo specchio sarà pieghevole, costituito da tanti piccoli specchi collegati tra loro, in modo da piegarsi uno sopra l'altro chiudendosi, in seguito verrà riaperto nello spazio attraverso comandi a distanza". 

STRUMENTI
stsci.edu nasa/jwst ISIM Integrated Science Instrument Module, è uno dei tre maggior elementi che costituisce il sistema del telescopio JWST, gli altri sono OTE Optical Telescope Element e SSM Space Support Module. Gli strumenti scientifici inclusi sono: 

- NIRCam Near Infrared Camera, rilevatore d'immagini nell'infrarosso, per studiare: formazioni stellari nella via lattea, morfologia e colori delle galassie; inoltre sarà fornito di un coronografo strumento che permette di determinare le caratteristiche dei pianeti che orbitano intorno alle stelle.

- NIRSpec Near Infrared Spectrometer, spettrometro per lo  studio di galassie in formazione, ammassi, studio delle caratteristiche fisiche degli oggetti nonchè la composizione chimica e temperatura

- MIRI Mid Infrared Instrument osservazioni all'infrarosso molto più sensibili dell'  ISO Infrared Space Observatory e del SIRTF Space Infrared Telescope, osservazioni di oggetti nascosti da nubi di polvere cosmica.

- FGS sensori a guida fine.

click here for observatory architecture JWST

 

 

home    galassie     sommario    <<<