SagDEG è uno dei membri del Gruppo locale, la forza mareale esercitata dalla Via Lattea, provoca la distruzione della sua struttura e tra qualche miliardo di anni le sue stelle faranno parte della nostra Galassia. La galassia Nana del Sagittario è una galassia sferoidale, si trova nella costellazione del Sagittario, dista circa 75.000 anni luce da noi, massa pari 1/100 della Via Lattea. A causa delle polveri che ne oscuravano l'osservazioni, la scoperta fu nel 1994, Rodrigo Ibata, Gerard Gilmore e Mike Irvin (Università di Cambridge), durante un'osservazione nella zona centrale della via Lattea, si accorsero di una zona particolarmente densa di stelle. La galassia contiene un cospicuo numero di stelle in fase RR-Lyrae (stelle vecchie), la cinematica indica che quattro ammassi globulari M 54, Terzan 7,Terzan 8 e Arp 2, sono associati spazialmente alla nana.

 

 

Nel grafico è mostrata la distribuzione del periodo di stelle RR Lyrae della nana del Sagittario (giallo) con tutte le altre galassie nane dove si trovano le stelle tipo RR Lyrae, la somiglianza con la Grande Nube di Magellano è resa evidente. La similitudine delle due galassie non si limita solo alle stelle RR Lyrae, ma è stato osservato una popolazione di stelle di carbonio e giganti rosse, queste similitudini indicano che i due sistemi hanno popolazioni stellari simili. Due sono le ipotesi formulate, 1) la nana del Sagittario e LMC facevano parte di una galassia più grande che poi ha subito una rottura dopo essersi scontrata con la Via Lattea, 2) che la nana del Sagittario sia i residui della LMC, dopo uno scontro con la piccola nube di Magellano; queste ipotesi sollevano molti dubbi che dovranno essere chiariti attraverso ulteriori osservazioni.  credit Rodrigo Ibata, Rosemary Wyse Richard Sword - credit R. A. Ibata, G. Gilmore, and M. J. Irwin - credit A. Oksanen, 2.6 meter Nordic Optical Telescope

home    sommario    galassie   <<<