QUASAR PKS

1127-145

Immagine composta: raggi X di Chandra e ottiche di Hubble. credit: Raggi X: NASA/CXC/A.Siemiginowska (CfA) & J.Bechtold (U. Arizona) Ottico: NASA/HST/CfA/A.Siemiginowska ed altri

Immagine radio in due frequenze: profili (1,4 gigahertz) e una scala grigia (8,4 gigahertz)
credit: Siemiginowska et al. VLA

 


Costellazione Cratere A.R. 11h 30m 7.10s decl. -14° 49'27"

 

 un enorme getto lungo circa un milione di anni luce che fuoriesce dal suo centro, ospita un enorme buco nero. Scoperto da Chandra questo avvistamento studiato da ricercatori guidati da Anna Siemiginowska del Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, è il risultato di tremende esplosioni avvenute nei pressi del buco nero circa 10 miliardi di anni fa, inoltre spiega che "i raggi X che hanno reso il getto visibile all'occhio di Chandra sono stati generati quando le microonde caratteristiche dell'universo primitivo sono entrate in contatto con il potente campo magnetico e le particelle ad alta energia del getto". La lunghezza del getto e dei nodi luminosi osservati, indicano un'attività esplosiva prolungata ma discontinua, forse dovuto a fusioni di altre galassie con la galassia ospite. Gli astronomi per la prima volta hanno usato il quasar "come una macchina a raggi X" per misurare la quantità di ossigeno in una galassia posta a circa 4 miliardi di anni luce da noi. In altre parole  è come aver fatto " i raggi X alla galassia". I raggi X del quasar, passano attraverso la galassia, l'ossigeno e altri elementi della nube interstellare galattica assorbono alcuni di questi raggi, diminuendone l'intensità. Dalle misurazioni dello spettro dei raggi X,  si può stabilire la quantità di ossigeno contenuto nella galassia, in un certo senso è come una radiografia, sulla lastra si forma "un'ombra" della regione del corpo che sta tra la sorgente e la lastra. Dai risultati si è riscontrato che la galassia ha il 20% di ossigeno rispetto a quello presente nella nostra Galassia.

 

 

credit NASA/CXC/A.Siemiginowska(CfA)/J.Bechtold (U. Arizona)

 


home    galassie    sommario   <<<   >>>