RXS J1131-1231

 

credit ESO 3.6m+EFOSC2

 

Scoperto nel maggio 2002, un quadruplo quasar con anello di Einstein.

Usando il telescopio ESO 3.6-m dell'Osservatorio La Silla, un team internazionale di astronomi hanno scoperto un complesso "miraggio cosmico" nella costellazione Coppa (Crater), nell'emisfero meridionale, denominato RXS J1131-1231, è il quasar più vicino finora osservato, distorto dall'effetto di una "lente gravitazionale".

Questo sistema di lente gravitazionale, consiste di quattro immagini dello stesso quasar, inoltre è visibile un arco luminoso della galassia nel quale dimora il quasar. Questo effetto è conosciuto come Anello di Einstein, inoltre la galassia che funge da lente che causa questa intrigante illusione ottica è ben visibile come una grossa macchia centrale luminosa e diffusa.
Il team ha ottenuto lo spettro di questo oggetto con la nuova camera EMM1 montata sul New Technology Telescope (NTT), il telescopio ESO 3.5 a La Silla, dagli spettri ricavati si è potuto stabilire la distanza, il quasar si trova ad una distanza di 6.300 milioni di anni luce (redshift z =0,66), mentre la galassia ellittica che funge da lente è situata ad una distanza di 3.500 milioni di anni luce (redshift z=0,3).

Inaspettatamente, gli astronomi hanno trovato che una delle quattro immagini del quasar, risulta essere una magnitudine (2,5 volte) più brillante di quanto previsto, questo fatto non mette in dubbio la teoria della relatività generale, ma la causa è un altro effetto chiamato "microlensing", in questo caso la deviazione dei raggi luminosi è causata da una singola stella o più stelle che si trovano all'interno della galassia lente, ciò che si osserva è un aumento di luminosità.

 

 

home    galassie    sommario   <<<