arp 242

 

ngc 2623

arp 270

ngc 4038/9

foto K.Borne-L.Colina, H.Bushouse-R.Lucas-NASA

 

COLLISIONI GALASSIE Quando due galassie si sfiorano o s'intersecano, i due oggetti entrano in interazione e le loro molecole gassose si sfiorano, la temperatura aumenta e vengono emesse potenti onde radio. Si pensa che le galassie ellittiche siano il risultato di scontri e fusioni fra quelle a spirali. Gli oggetti ULIRG (Ultra Luminous Infrared Galaxies) soperti nel 1980 dal satellite IRAS, sono una classe di galassie dalla forma strana, caratterizzate da una forte emissione nell'infrarosso: Nel 1998 due astronomi giapponesi Taniguchi e Shioya teorizzarono un modello di formazione che implicava collisioni multiple. L'astronomo K.  Borne del Goddard Fligh Center della NASA, insieme ad altri collaboratori, ha condotto per tre anni un rilevamento di 123 oggetti ULIRG lontani al massimo 3 miliardi di anni luce dalla terra. Il risultato è che il 30% di essi mostra evidenti prove a favore dell'ipotesi delle collisioni multiple. La radiazione infrarossa è data dalla presenza di polveri che assorbono gran parte dell'energia prodotta dalle stelle appena nate e la riemettono a queste lunghezza d'onda. Due galassie possono penetrarsi e passare oltre senza danni: il massimo del "rumore" dello scontro lo producono le nubi di gas interstellare, interagendo tra loro con forti emissioni di onde radio e di radiazioni infrarosse. Altri effetti di uno scontro o di un incontro fra due galassie sono dovuti dalla:

 ----velocità con cui le galassie si incrociano o si incontrano, una bassa velocità dell'una rispetto l'altra, porta a maggior danni che non uno scontro ad alta velocità. 

 ----distanza minima alla quale possono giungere le due galassie, se la distanza è ravvicinata e la velocità non troppo alta, le galassie si possono fondere (esempio le galassie ellittiche).

 ----dimensioni relative delle galassie, l'incontro può portare alla formazione di strutture particolari, con lunghe code e ponti di materia tra le galassie interagenti. Inoltre se una galassia è molto più grande si possono avere fenomeni di cannibalismo: la più grande ingloba la più piccola.

 La ns. galassia è in rotta  di collisione con la galassia di Andromeda, questi "TITANI" in circa 3 miliardi di anni si fonderanno formando un unica galassia ellittica. Inoltre la Via Lattea interargisce gravitazionalmente con le Nubi di Magellano con un ponte di gas prevalentemente di idrogeno. Nelle galassie ellittiche, a differenza di ciò che accade nelle galassie a spirali, le stelle non ruotano attorno ad un centro comune sempre nello stesso senso. Si è scoperto che tutta la regione centrale ruota in un senso, mentre le altri parti ruotano nel senso opposto, da ciò si presuppone sia origine dalla fusione di due galassie diverse. Altro fatto interessante è che nel 50% di questi oggetti sono presenti i gusci di MALIN (fotografo astronom. David Malin che scopri questi gusci nel 1979). Questi gusci contenevano stelle vecchissime, anche di 10 miliardi di anni ( presenti nei dischi delle galassie a spirali). Questi ed altri dati portarono alla conclusione che si trattassero di relitti di galassie a spirali che si erano fuse.

 


 

 

credit W. Keel Univ. Alabama - K. Borne nasa.George Mason Univ. NASA

 

ARP 81 ngc  6621galassia tipo Sb pec AR. 18h12m54s decl +68° 21' ngc  6622 galassia AR.18h13m00s decl. +68° 21' costellazione Drago. Il confronto con i modelli numerici, indicano che questo oggetto è l'inizio di una forte interazione fra due galassie.


credit T. Rector (U. Alaska Anchorage), Gemini Obs., AURA, NSF

 

NGC 1531 NGC 1532 Questa spettacolare immagine fatta con il telescopio Gemini South a Cerro Pachon, Cile, mostra una coppia di galassie interagenti, situate a sud della costellazione Eridanus. La galassia dietro con il nucleo molto luminoso è NGC 1531, mentre quella in primo piano è la galassia NGC 1532. La loro vicinanza ravvicinata provoca un'intensa formazione stellare nelle parti esterne di NGC 1532 

 

 


foto ESO (VLT ANTU+FORS1)

 

foto ESO (VLT ANTU+FORS1)

 

NGC 5090 NGC 5091 Sistema di interazione ellittico-spirale, con una rottura della forza mareale di NGC 5091(sinistra) da NGC 5090(destra). La velocità del nucleo di ngc 5091 è circa 3429 Km/sec.,  mentre ngc 5090 è circa 3185 Km/sec, inoltre quest'ultima è associata con una forte e doppia sorgente radio (PKS1318-43).

 

 

credit J.E.HIBBARD

credit J.E.HIBBARD
 NGC 520 si trova nella costellazione dei Pesci 
considerata una galassia in esplosione, ora gli astronomi hanno scoperto che è il resto di una fusione. Queste galassie si sono scontrare 300 milioni di anni fà, si notano dei plumes e degli archi che derivano dalla regione nucleare dovuti alle emissioni di gas ionizzati, probabilmente questo oggetto si evolverà in una galassia ellittica. Dai dati analizzati si è scoperto che il contenuto di gas in uno dei due dischi era scarso. Le osservazioni di NGC 520 rivelano un vasto disco gassoso in rotazione, inoltre è una fonte radiofonica. 
dettaglio

 

 

.   

 

home    galassie    sommario   <<<    >>>